Rossa di Sera. Un nuovo inizio.

L'ultimo post prima del disastro
L’ultimo post prima del disastro

…Non so come dirlo, se non così, nudo e crudo: mi hanno hackerato il sito. Di brutto, in modo che non si potesse salvare nè recuperare niente, visto che anche il back up è rimasto distrutto. Non so se è una cattiveria mirata o un disastro casuale, anche se l’esperienza dimostra che nulla avviene a caso.

In pratica ho perso un anno intero di lavoro, oltre 100 articoli, oltre 1000 foto, fatti con amore e dedizione.

Dire che sono scocciata e amareggiata è non dire niente. Vi lascio indovinare.

E FB ha pensato bene di cancellare il mio sfogo, piuttosto innocente rispetto a tante schifezze che vedo in giro. Gente falsa e ottusa.

Fortuna che il mio vecchio blog, Rossa di sera, è ancora vivo: non l’avevo eliminato dopo essermi trasferita sul sito nuovo, solo grazie all mia pigrizia. Ora lo riattivo, così rimane in veste di un archivio on line indipendente.

Non so ancora se riuscirò a reinserire tutti gli articoli perduti. Anche se ho i testi e le foto, ci vogliono molte ore di lavoro a tempo perso per farlo. Non so se ho voglia e forza, non ancora, non adesso.

L’unica cosa che manca davvero, è la raccolta di articoli su Remise en forme, il mio personale sistema di dimagrimento e di nutrimento che ho creato un anno e mezzo fa. Scrivevo direttamente sul sito, e ora non c’è rimasto niente.

Il mio sito, finalmente, è in piedi, e ora è sicuro come Fort Knox, ma praticamente vergine. Devo iniziare a riempirlo con gli articoli nuovi, le ricette inedite e le foto ancora più belle. Ha un aspetto diverso, più avanti cambierà, ma non ora, non è il momento. Diciamo che questa è una versione provvisoria di Rossa di sera ferita, ma non battuta.

La vita va avanti (ok, è una frase fatta), gli eventi sono tanti, gli inviti non mancano, le ricette me le invento ogni giorno, i viaggi sono tutti da fare, per lavoro e non. Anche i progetti continuano a crescere e a modificarsi, alla fine le cose accadono sempre nei momenti giusti.

Dunque, ricomincio dalla Rossa 2.0. In fondo, ma chi mi ammazza? 😉