Remise en forme. Provocazione. Quello che penso davvero.

 

Sarà un post piuttosto provocatorio, in quanto il mio pensiero non è esattamente allineato con il pensiero comune.

Ora più che mai sono profondamente convinta che il dimagrimento e la rimessa in forma, ovvero, la remise en forme, sia possibile a qualunque età e in qualunque condizione.
Mi spiego.
Fino a qualche tempo fa dicevo, convinta: eh, a 25 anni si dimagrisce in 2 giorni, a 30 ci si mette molto più fatica,  dai 40 e in poi oramai è complicatissimo, quasi impossibile. Vero, ma solo in parte: da giovani si dimagrisce prima e più velocemente, ed è normale, ma è altrettanto vero che si dimagrisce a tutte le età, con l’impegno e con l’approccio diversi.
Inoltre credo che ci siano troppe scuse che ci fanno mettere l’animo in pace: il metabolismo che non va, le ossa grosse, i problemi ormonali, la costituzione e via dicendo. Ci saranno anche i casi con i problemi ormonali, ma sono molto meno rispetto a quello che ci fanno credere. Quelle sono le scuse per propinarci la liposuzione, il bendaggio gastrico o, addirittura, per crearci un alibi per non fare niente, “tanto è inutile, allora mettiamoci la pietra sopra e mangiamo per dimenticare”.

Sono profondamente convinta, dopo che ho portato avanti con successo il mio programma/stile di vita Remise en forme, che quello che conta, non è l’età e la condizione fisica, ma la disciplina, l’autocontrollo, la volontà e l’amore verso se stessi. Anche perché avere meno peso significa migliorare la salute, alleggerire le gambe e dare il sollievo ai piedi. Insomma, il corpo non avrà che da ringraziarvi. E poi, anche se è discutibile, credo che molti problemi si possono migliorare, se non risolvere, con l’alimentazione corretta e aggiustata su misura. Ovviamente, non parliamo di tumori e di altre malattie gravi, ma di pressione, di colesterolo, dello stato di pelle e di capelli.

Ma davvero-davvero preferite prendere compresse e pasticche invece di correggere e ridimensionare l’alimentazione?

Anche se qui rischiamo di cadere nella trappola opposta, quella dei cosiddetti  “superfood”. Nessun alimento in sé, che sia una bacca che cresce su un cucuzzolo dell’Himalaya, i semi del deserto della Mongolia o un’alga raccolta in mezzo all’oceano, fa miracoli. Ricordate, anni fa si parlava di ananas, ovvero, del suo gambo che fa dimagrire, poi di papaya, poi non ricordo di che altro? È vero, contengono le sostanze che aiutano, ma che bisognerebbe consumarle in quantità industriali che nessun essere umano possa fare, per ottenere i benefici annunciati. La stessa cosa vale per vari bacche di goji e semi di chia, e nemmeno avocado o acqua di cocco sono la panacea per i vostri mali.

La vera panacea, se cerchiamo i miracoli, non esiste, ma esistono gli alimenti da privilegiare rispetto agli altri, da bilanciare il rapporto calorico e le sostanze nutrienti, e soprattutto c’è l’organismo da ascoltare e da creare l’alimentazione personalizzata e consapevole. Quindi, magari non un cheeseburger, ma un pesce al forno, non le patate fritte, ma un piatto di verdura al vapore, e non una fetta di torta con la panna, ma frutta fresca. E se viene voglia di pizza, perché no? Non solo fa parte di cucina mediterranea, sana e salutare, ma è anche patrimonio dell’Unesco.
E non dimenticate un po’ di attività fisica da associare che non fa mai male!

Ho ragione?

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *