Speciale Anzio. Enogastronauta, un ristorante molto lounge

Finalmente ad Anzio abbiamo un locale davvero figo! Sia chiaro, Anzio è piena di ristoranti rinomati, dove si mangia molto bene, alcuni sono davvero famosi, ma sono sempre ristorantei. Invece Enogastronauta, il locale di Francesco Salustri e Antonio Terzioli, è molto di più. Aperto dalle 8 del mattino fino all’una di notte, è un luogo multifunzionale, dove poter fare colazione veloce o anche quella lunga, innaffiata di chiacchiere e di bollicine; un brunch o un lunch, un aperitivo, una cena o un dopocena. Insomma, l’offerta è per tutti e gusti. 

Parete di bottiglie

Aperitivi molto piacevoli: Ginza e Notting Hill

Tartare di pesce
Tacos
Tacos

Enogastronauta è bello. Una sala luminosa all’ingresso accoglie 6 o 7 tavoli, per far sedere da 18 fino 24 persone sulle comode poltroncine di pelle. Dietro le tende c’è il banco bar con alcuni sgabelli, uno spazio dedicato al mixology. Dietro si trova la cucina, il regno di Christian Spalvieri, e sulla destra – una parete piena di bottiglie di vino. E non è finita lì: le scale sulla sinistra portano in un soppalco, con altri pochi tavoli e uno splendido divano con due poltrone in stile Chesterfield. Qui si può prendere un cocktail, o fare colazione tranquilla, ma il bello è che nel locale non ci sono regole: i tavoli nella sala si sotto sono a disposizione.

Colazione alternativa

Entusiasta più di chiunque altro, sono andata a vedere subito il locale, appena saputo dell’imminente apertura al pubblico. Da lì è scattata la cena, per provare la cucina di Christian, e poi anche la colazione con una mia amica, compagna di avventure colazionistiche nei dintorni. Devo dire che finalmente ho trovato un locale giusto per andare a bere un cocktail o una bollicina, mangiando qualcosa di sfizioso. E anche se non tradirei mai una piccola cerchia dei miei ristoranti del cuore, perché amo troppo la cucina tradizionale (più o meno) di Porto d’Anzio, sono felice di aggiungere alla lista lei locali da frequentare anche Enogastronauta.

Ora non mi resta che raccontarvi come  e cosa si mangia. Si mangia bene, la mano di Christian è capace di coniugare la delicatezza e i sapori decisi, creare interessanti consistenze e sfruttare i colori. Il menu potete studiarlo qui: una ventina di proposte in tutto, tra antipasti, main course e dessert. Ci sono anche due menu degustazione, da 3 e 6 portate. Una carta di vini buona, non banale, e una serie di proposte mixology completano il quadro enogastronomico.

Pane fatto in casa
Olio buono

Si  inizia sempre così: pane e olio, e poi un calice di vino, e la cena (degustazione) può aspettare!

Ostrica
Animelle
Rivisitazione di zuppa di pesce di Anzio
Triglia, patate e peperoni
Predessert
Sfoglia, crema e lamponi
Cioccolato, latte e caramello

Direi che il posto merita. Voi che ne pensate?

Enogastronauta
Via porto Innocenziano, Anzio
Tel. +39 329 492 2140