Speciale Mosca. Organizzare il viaggio

Ogni viaggio richiede una preparazione attenta per goderlo in tutta serenità e non avere brutte sorprese. Il viaggio in Russia richiede qualche accorgimento in più, ma vi aiuto io.

1. Visto

Per ottenere il visto turistico, dovete rivolgervi in ufficio visti. Prima si trovava all’interno del Consolato in via Nomentana, ora ha una sede a parte, in via Dalmazia 16. Comunque prima dovete prendere appuntamento sul loro sito, altrimenti non sarete ricevuti, sono molto rigidi.

Per la richiesta del visto servono i seguenti documenti.

1.Il passaporto valido

2.Il voucher dell’albergo dove alloggerete con la conferma del vostro soggiorno (di solito costa sui 17 €)

3.L’assicurazione che copra tutto il soggiorno, e non è una qualunque, ma Allianz Global Assistance oppure Europ Assistance Italia. Il costo dipende da quanti giorni vi tratterrete in Russia (50-60 €), ma probabilmente ce ne sono altre agenzie più economiche, come questa.  Leggete bene le condizioni però.

4.Il modulo compilato che andrete a scaricare sul sito ufficiale , dove troverete altre informazioni. Fate attenzione a come lo compilate, le informazioni devono essere esatte.

Il costo del visto normale è 65 € ,se non avete fretta, lo avrete in 10-14 giorni lavorativi, invece il visto urgente costa 100 €, e lo avrete in 1-3 giorni.

Se non avete voglia o tempo per richiedere il visto personalmente, esistono le agenzie che lo faranno a posto vostro.

2. Alloggio

Personalmente ho trovato un albergo carino al centro di Mosca attraverso booking.com. Oltre ad essere un sito sicuro che non mi ha mai dato problemi, propone anche una serie di servizi come, ad esempio, un taxi per venire a prendervi all’aeroporto. Io l’ho fatto (arrivando alle 4 del mattino, non avevo voglia di contrattare con i tassisti), e l’ho trovato eccezionale. Ora a Mosca c’è un’infinità di proposte tra grandi hotel, alberghi, mini hotel, b&b ecc. La scelta dipende solo dal vostro budget e dalla zona dove vi piacerebbe alloggiare. 

Manco a farlo apposta, il mio albergo si chiamava Hotel Neapol, 4 stelle (anche se per me erano 3), si trova dietro la via principale, via Tverskaia, a 10 minuti dalle 2 stazioni di metropolitana, e a 15 minuti dalla Piazza Rossa. Una doppia costa intorno a 90-100 € al giorno, colazioni buone, il personale è gentile e disponibile.

3. Volo

 

Consiglio vivamente di scegliere Aeroflot. Effettua parecchi voli al giorno, anche notturni (il che è comodo per chi, come me, non ama sprecare le giornate in viaggio). E’ considerata la compagnia aerea migliore dell’Europa per quanto riguarda la Business Class. Ma anche in economica si viaggia benissimo. Comode le poltrone per passare 3 ore di viaggio, vi offrono un pasto caldo con la possibilità di scegliere il secondo tra due opzioni. Tra le bevande c’è anche il vino, cosa che sui voli europei non servono più. Ottimo servizio, hostess gentili e molto belle.

4. Aeroexpress

E’ un treno che collega i 3 aeroporti principali dei 5 al centro di Mosca, tipo Leonardo Express. Comodissimo, il biglietto costa circa 6 €, si compra sia on line che nelle biglietterie self service. Sicuramente è una soluzione perfetta per raggiungere l’aeroporto di giorno per evitare il traffico e i seguenti ritardi.

Per spostarvi a Mosca, ci sono due soluzioni, una più comoda di un’altra: la metro e i taxi.

5. Metro

La metro collega tutta la città attraverso una fittissima rete e tanti treni, in media uno ogni 1-2 minuti. Non vi preoccupate, le scritte sono in due lingue: in russo e in inglese.

Un biglietto costa 55 rubli (0,75 €), le piantine potete scaricare in internet.

6. Taxi

C’è una app pazzesca, simil My Taxi, si chiama Яндекс Такси (Yandex Taxi). C’è un problema: è in russo, quindi se non parlate la lingua, o non avete nessuna guida, per voi sarà impossibile usarla. 

MA! Chiedete tranquillamente di chiamarvi il taxi alla reception dell’hotel, al ristorante dove andate o altro: le macchine arrivano entro 2-3 minuti, le tariffe sono chiare e vengono calcolate in anticipo a seconda di dove dovete andare. Costano pochissimo e sono molto comodi. Ce ne sono, ovviamente, anche altre app e altre compagnie, ma questa l’ho trovata eccellente.

7. WI FI

WiFi lo trovate praticamente dappertutto, ma c’è un grosso problema, che ancora non sono riuscita a risolvere.

Prima di partire mi sono informata dal mio gestore TIM se c’erano offerte per il roaming. Ho visto una che costava 30 € per 10 giorni, offrendo 100 minuti, 100 sms e 500 MB. Considerando che usiamo tutti internet, 500 MB è una miseria, e allora, ricordando che a Mosca c’è un’ottima rete di Wi Fi, ho deciso di disattivare la connessione dati e di connettermi a internet sono dove c’era il wifi pubblico. E così ho fatto.

Una volta tornata a casa, sorpresa: ero sotto di 45 €. Ho fatto un reclamo per capire da dove sono arrivati tutti questi soldi, ma dopo 3 settimane sono ancora in attesa della risposta.

Parlando con un operatore, ho scoperto che a quei giorni corrispondevano ben 33 pagine di dettagli del traffico, ed erano tutte le voci da 20 centesimi. Come se fosse che ogni volta che mi connettevo al wifi gratuito, mi scalavano i soldi. E nessun messaggio dell’operatore all’arrivo a Mosca lo diceva.

La mia soluzione per la prossima volta sarà prendere una sim russa. L’abbonamento costa poco, ma anche se mi troverò a pagare 40-50 € all’anno per uno più economico, non troverò più delle brutte sorprese al ritorno.

Voi come risolveste?