La Taverna del Patriarca, una certezza tutta toscana

Molti anni fa abbiamo scoperto la Taverna de Patriarca per un motivo banale: era semplicemente sulla strada di ritorno da un weekend che avevamo fatto in Toscana, mentre stavamo raggiungendo l’autostrada. Era tardi, avevamo fame, e abbiamo visto quell’insegna, La Taverna del Patriarca che faceva parte dell’hotel, situato nella dimora storica nobiliare. Un locale rustico, carino ed accogliente, con la brace in bella vista, tovagliette di carta e un’ottima selezione di vini toscani. 

(foto de Il Patriarca)

Quella volta abbiamo mangiato benissimo, e da allora il ristorante è diventato il nostro punto di riferimento quando tornavamo da qualche parte, non solo per una buona cucina tradizionale, ma anche la vicinanza all’autostrada. In effetti, basta prendere l’uscita Chiusi – Chianciano terme, fare 500 m dopo il casello ed ecco che si arriva alla Taverna.

Ricordo il viaggio di ritorno  dalla Svizzera a luglio del 2012, il periodo dei mondiali, e per strada non c’era letteralmente nessuno. Eravamo arrivati quando era iniziato il secondo tempo, pare che giocasse Italia e che abbia perso. Ma noi abbiamo mangiato benissimo.

Stavolta tornavamo dall’Austria, dopo 5 giorni di eventi enogastronomici sulla neve e relax alle terme. Che fare se la fame arriva all’improvviso? Giusto, fare una deviazione per la Taverna.

Prendiamo sempre il solito: una fiorentina al sangue e una bottiglia di vino. A volte chiediamo un piatto di affettati, altre  – un piatto di pasta, o un contorno. Ma la Chianina e un buon Sangiovese non possono mancare. Stavolta ero talmente stanca che nemmeno ricordavo di aver fato qualche foto e di averle postate su FB. Ma ricordo perfettamente di aver goduto di ogni boccone, di ogni sorso. 

Orcia Sangiovese 2015 Poggio Grande. Perfettamente riconoscibili, quei profumi unici della Toscana.

Pici al ragù di Chianina, straordinariamente rustici e saporiti.

Costata di Chianina, cottura perfetta, carne morbida, forse però non era frollata abbastanza, mancava quella completezza della bistecca perfetta.

Patate al forno, croccanti, infinitamente buone.

Cantucci e Vinsanto, uno sfizio irrinunciabile.

Ovviamente, il menu è ben più ampio. Ci sono antipasti sfiziosi, altre paste fatte a mano, i secondi dalla cucina e non dalla griglia e anche qualche piatto di pesce. I prezzi sono onesti, in linea con l’offerta di qualità. E ora vi chiedo: è o non è una sosta perfetta?

La Taverna del Patriarca
Strada Statale 146
Località Querce al Pino
Chiusi (Siena)
Tel. +39 0578 274407

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *