Vino. Barbaresco di Casali del Barone

Le feste sono finite, ma i ricordi delle cene sono vivi e ancora ben presenti anche addosso. Così come questo Barbaresco 2015 di Casali del Barone che ho stappato nemmeno 20 giorni fa. Mi piace il Barbaresco in generale, anche lui, come Barolo è prodotto con le uve Nebbiolo al 100%, e possiede una certa eleganza che conquista al primo sorso. 

Non conoscevo Casali del Barone, ma grazie al Gruppo Schenk ho scoperto una realtà intrigante. Leggendo sul sito del gruppo, ho scoperto che il loro Wine Shop si trova a Ora, in provincia di Bolzano, e se l’avessi saputo un paio di mesi fa, nel periodo di Merano Wine Festival, ci avrei sicuramente fatto un salto.

Questo Barbaresco sfoggia un bel color rubino nel bicchiere, facendo arrivare al naso le note affumicate, di cuoio, di tabacco, di funghi e di sottobosco. In bocca, invece, si sentono bene i frutti rossi, i tannini sono giovani, ma piacevoli. L’insieme è equilibrato ed elegante, perfetto da solo e in compagnia di alcune pietanze.

L’ho assaggiato, abbinando alle fettine di pastrami di manzo, con senape, cetriolini e pane di segale, e poi con il fegato di maiale impanato e fritto insieme alla giardiniera. Sgrassa perfettamente la bocca e non va in conflitto con le verdure marinate. 

Ora vorrei completare la gamma di assaggi con il Barolo e la Barbera, curiosa di scoprire se sono altrettanto eleganti e versatili come quel Barbaresco.

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *