Speciale Portogallo. Cataplana de codorniz

Cataplana è una pentola portoghese, solitamente fatta in rame, che sembra un piccolo wok. La particolarità di questo tegame è che il coperchio è uguale alla parte sotto e durante la cottura si chiude ermeticamente. In pratica è come se fosse una sorta di pentola a pressione. Cataplana da anche il nome alle pietanze che vi vengono cucinate. Solitamente sono le zuppe di pesce, specie di baccalà o di molluschi, ma possono essere anche le carni e le verdure. 

L’ultima volta a Lisbona ho assaggiato la cataplana de bacalhau, e la pentola mi è piaciuta talmente tanto che l’ho acquistata per portare a casa. Non le regalano, quelle pentole, una per 2 persone costa circa 40 €, ma potevo farne a meno? Ovviamente, no.

All’interno della confezione ho trovato anche un piccolo libretto di istruzioni per il lavaggio e 3 ricette da preparare. Ricette molto approssimative, senza dosi, ma mi è bastato per farmi un’idea di come funziona. Quella al Porto doveva essere una pernice, ma avevo le quaglie e la malvasia da dessert. Ecco la mia variante, squisita!

Ah, ovviamente, per eseguire la ricetta, non serve avere per forza una cataplana, potrebbe bastare una pentola normale o anche una tajine.

Cataplana de codorniz

2 quaglie
1 cucchiaio di burro
1 cucchiaio di grasso di prosciutto
2 spicchi di aglio
1 bicchierino di Porto o vino a dessert a piacere
sale

— tritare il grasso del prosciutto, schiacciare l’aglio e mettere nella cataplana insieme al burro

— appena si sciolgono i grassi, aggngere le quaglie e farle rosolare da tutti i lati

— versare il vino, salare, girare con il petto in basso, coprire e cuocere a fuoco basso per 20 minuti

— servire le quaglie con il sughetto formato

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *