Cucina coreana, così lontana, così affascinante

Voi conoscete la cucina coreana? Io pochissimo, anche se ho mangiato qualche volta nei ristoranti coreani, ma grazie alle trasmissioni di cucina qualcosa ho imparato, e ho capito che sono curiosa di scoprire di più.

Per questo qualche giorno fa ho partecipato a Yori Nori, il gioco di sapori tra Corea e Italia, ovvero il pranzo stampa presso il ristorante MadeITerraneo, che ha visto protagonisti lo chef italiano Riccardo di Giacinto (ristorante All’Oro, 1 stella Michelin) e lo chef coreano Woojoong Kwon (Ristorante Kwonsooksoo di Seoul, 2 stelle Michelin).

Un menu a quattro mani, ideato dai due chef con materie prime di provenienza coreana e italiana, come ad esempio i fagioli di Myeongji, della contea di Gapyeong e il tartufo nero di Alba. La fusione tra le due culture è fatta anche dagli abbinamenti, i piatti coreani sono accompagnati ai vini italiani, mentre quelli italiani ai liquori tradizionali coreani.

Ma prima ho assaggiato i cocktail coreani, creati dal barman Sangyeop Yoon, che per l’occasione ha realizzato l’Autumn Night con soju alle patate dolci, Disaronno, miele e succo di limone  e il Roman Holiday a base di makgeolli, Campari e five flavor fruit. Davvero particolari.

MOOMANDU
Ravioli di tofu e manzo italiano in sfoglia di rapa con brodino freddo di pinoli
Abbinato al Mofete Etna Bianco 2016

RIASSUNTO DI CARBONARA
Riassunto di carbonara con olio di sesamo
Abbinato all’ Omi Rosé

KONGGOKSU CON IL TARTUFO
Spaghettini in brodo freddo di fagioli macinati con tartufo di Alba
Abbinato con  L’Altra Barbera 2016

BRASATO DI MANZO FASSONA CON GINSENG COREANO E ZENZERO
Stracotto di manzo di fassona piemontese aromatizzato al ginseng  coreano e zenzero
Abbinato con Gosori

TIRAMISU CON POLVERE AL GAMGYUL
Tiramisù con crema al mascarpone, pan di spagna e polvere di mandarino
Abbinato con Baekryun Malgeun Sool

BASIL SHIKHYE E JATGOORI
Bevanda dolce a base di riso con sorbetto di basilico accompagnato da dolcetti di riso glutinoso con frutta secca
Abbinato al Passirò 2016

Complimenti a Riccardo di Giacinto, bravissimo, per la sua tecnica, i sapori equilibrati e l’indiscutibile piacevolezza al palato.

Lo chef coreano mi ha stupita per la sua creatività che, tuttavia, non sono riuscita ad apprezzare appieno. Sarà perché conosco poco di mio la cucina coreana e non conosco per niente la cucina coreana creativa e contemporanea, sarà perché i gusti europei sono ben distanti dai gusti orientali.

Eppure vorrei approfondire, ma partendo dalla cucina di tradizione. So che il  kimchi è il simbolo della cultura e della tradizione della Corea. Kimchi è il cavolo cinese fermentato con le spezie e tanto peperoncino, e non può mancare mai sul tavolo, e a me piace tantissimo.

E poi conosco Il bulgogi, strisce di manzo, che è un piatto tipico cucinato su una piastra di ferro. Ma prima di essere cotta, la carne viene marinata a lungo con salsa di soia, olio di sesamo, aglio, zenzero, peperoncino o pepe, semi di sesamo tostati e cipollotti.

Il prossimo ristorante dove andrò, sarà coreano. Comunque, per chi fosse interessato, lascio un piccolo elenco di migliori ristoranti coreani in Italia, secondo l’Istituto Culturale Coreano.

MILANO
Gam Bistrò
Noodle House

ROMA
Galbi
Gainn

FIRENZE
Gangnam
Goong

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *