Polpettone con patate

Ogni tanto accendo la TV su Gambero Rosso Channel, e se vedo Nigella con le sue ricette semplici, conviviali e accattivanti, mi fermo e guardo. Tempo fa ho visto un polpettone che preparava, e mi è venuta voglia (e a chi non sarebbe venuta?). Piatto perfetto, adatto al pranzo della domenica o a una cena in stile comfort. Ora che sta arrivando l’inverno, il polpettone è l’ideale per scaldarsi e coccolarsi a tavola.

Della ricetta di Nigella sono rimaste solo tante cipolle, il resto ho modificato a mio piacimento.

Polpettone

500 g di macinato di manzo
500 g di macinato di maiale
4+1 uova
4 cipolle
4 cucchiai di olio evo
1 manciata di parmigiano
100 g di spinaci
100 g di lardo o di guanciale tagliati a fettine sottili
sale
pepe

3-4 patate
1 spicchio di aglio
2 cucchiai di olio evo
sale
pepe

— far bollire 4 uova per 6-7 minuti, far raffreddare sotto l’acqua corrente e sbucciare

— tritare grossolanamente le cipolle e farle rosolare nell’olio

— scottare velocemente gli spinaci in una padella con 2 cucchiai di acqua, devono essere appassiti

— sbucciare le patate e tagliare a cubetti piccoli; mettere in una ciotola, condire con olio, sale, pepe e l’aglio grattugiato, mescolare

— unire in una ciotola i due macinati, 1 uovo rimanente, le cipolle e il parmigiano, salare, pepare e impastare con le mani

— rivestire una teglia con la carta da forno, stendere la metà di carne e darle una forma ovale

— disporre al centro metà di spinaci cercando di aprire le foglie e adagiare 4 uova in fila

— ricoprire le uova il il resto di spinaci e poi con il resto della carne, dando la forma al polpettone con le mani

— intorno al polpettone distribuire le patate e infornare a 220 ° per 1 ora circa

— quando il polpettone è pronto e le patate sono dorate, lasciarlo riposare per qualche minuto prima di affettare

Immagino, vi domanderete che fine abbia fatto il guanciale. Beh, è semplice: croccante e dorato, se l’è mangiato mio marito.

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *