Ristoranti. Malga Saraghes a San Cassiano

E’ inevitabile, il tempo brutto e la pioggia fanno pensare ai momenti più belli, come quelli che ho vissuto quest’estate. E così, invece di parlare di “soliti” ristoranti, ho preferito tirare fuori le foto e i ricordi di una malga.

Non sono una grande amante di montagna, ma quando mi capita di andarci, mi do da fare per prenderne il meglio, il che significa il cibo. Quindi oltre le malghe, cerco i mirtilli e i lamponi, a volte i funghi e le erbe aromatiche, se la gita accade d’estate, se invece è inverno, mi rimangono solo i rifugi.

Alcune delle malghe sono disponibili solo in estate, altre, come Malga Saraghes che si trova nelle Dolomiti, a San Cassiano, a 1837 m slm, è aperta tutto l’anno (ovviamente, tranne le “mezze stagioni”).

…Siamo capitati a San Cassiano quasi per caso: in realtà volevo andare a Cortina d’Ampezzo, ma non riuscivo a trovare l’albergo (era quasi Ferragosto) e alla fine ho trovato un b&b carinissimo a San Cassiano. Già, non proprio vicinissimo, ma non tutti i male vengono per nuocere. Dopo una passeggiata a Cortina (che tra l’altro non mi è piaciuta), siamo partiti per San Cassano, e per me è stata una  vera rivelazione. Cittadina di montagna deliziosa, 2 ristoranti stellati (che stavolta non ho visitato), altri ristorantini semplici con la cucina curata, tipica, insomma un gioiello nelle Dolomiti.

Il giorno dopo siamo andati in montagna, a fare una lunga passeggiata. Il tempo era bello, la natura bellissima, il campo di mirtilli presente (ops, devo ancora finire di fare il liquore ai mirtilli!) e i sentieri facilmente percorribili. Alla fine del percorso abbiamo trovato un rifugio molto carino, Malga Saraghes, con un piccolo laghetto e le caprette nel recinto.

Ci siamo sistemati su una terrazza assolata e affollata, e ci siamo goduti di un pranzo semplicissimo e tanto gustoso. Piccoli piaceri della vita che rimangono in memoria a lungo. Una caraffa di vino di casa, ed ecco che poi scappa una pennichella sotto il sole. Ma prima…

Affettato misto di casa con rafano e cetrioli, è una specialità di produzione propria. Salumi fantastici, una goduria.

Canederli pressati al formaggio con insalata e fingerli. Insolita la forma, ma il gusto è buono.

Polenta con funghi misti e salsiccia alla griglia. Onesto, saporito, sostanzioso piatto di montagna.

Kaiserschmarren con salsa ai mirtilli rossi. In fondo è solo una sorta di frittatina dolce con lo zucchero a velo e una salsa di mirtilli, un dolce molto semplice ma piacevole.

Sono quasi sicura che in inverno il menu subirà qualche cambiamento, ma credo che Consommé di manzo con celestina (frittatina), Panicia (zuppa d’orzo ladina), Goulash di manzo con canederli, Graukäse (tipico formaggio grigio di malga) con cipolle e Strudel rimarranno tra i piatti “sempreverdi”.

La stagione invernale parte dal 1 dicembre, se sarete in zona, magari per sciare, andateci a mangiare che ne vale la pena.

Ütia Malga Saraghes
San Cassiano
Telefono: +39 335 7897164

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *