Champagne. Anzi, vi presento Exton Park, le bollicine inglesi

Essendo una grande appassionata di bollicine, non potevo perdere Giornata Nazionale delle bollicine 2018, capitolo d’autunno, che si è svolto anche quest’anno ad Aminta Resort, una splendida dimora nella campagna romana.

28 terroirs, 28 produttori, 87 bollicine tra cui 45 champagne – questi sono numeri della seconda edizione, organizzata da Prèmiere Italia. Questa azienda spumeggiante è la prima distribuzione italiana specialzzata in bollicine, guidata da Mario Federzoni, definito da molti “La bibbia del vino”, autore di libri sullo Champagne e da Alessandro Federzoni, suo degno erede.

Anche quest’anno mi sono lasciata rapire dal perlage e dagli aromi inebrianti dei miei preferiti, Maison De Venoge, bollicine elegantissime e di grande classe e …

… e Vigneron Erick Schreiber, azienda biodinamica dove nascono le bollicine pazzesche che colpiscono il palato e la memoria olfattiva una volta per tutte. Peccato che quest’anno abbiamo portato solo tre etichette contro 6 dell’anno scorso.

Anche quest’anno sono andata ad assaggiare anche le bolle estere: spagnole, tedesche, sudafricane e inglesi. E devo dire che tra tutti loro sono rimasta piacevolmente colpita proprio dallo stile ed eleganza britannici, dell’azienda Exton Park.

Il primo vigneto di circa 5 ha è stato piantato nel 2003 nella zona a sud del Parco Nazionale di Hampshire, e aveva le classiche varietà che si usano per produrre lo Champagne. Adesso il vigneto è raddoppiato, e le etichette prodotte sono 6.

Io ne ho assaggiate tutte e due presenti, un Rosé e un Blanc de Noir, e devo dire che l’ultimo è davvero grandioso. Insomma, una sorpresa, anche se non proprio dietro l’angolo.

 

Exton Park Blanc de Noir NV. Pinot Nero 100%. E’ una bolla gourmet, dagli inebrianti sentori di frutta matura. Il colore è giallo paglierino, il perlage è fine ed elegante. Al naso arrivano le note di pasticceria e di fiori d’arancio, in bocca è rotondo e avvolgente, leggermente speziato.Ottimo come aperitivo e come accompagnamento di una cena a base di pesce, anche grasso.

Exton Park Pinot Meunier Rosé. Pinot Meunier in purezza. Un bel colore rosa carico, quasi un rame o corallo. Bollicina sottile e persistente. Al naso è fresco e delicato, si sentono la pesca e i fiori bianchi. Il bocca è pieno, fruttato con qualche nota speziata esotica.

 

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *