Vino. Orto di Venezia, vino unico e (quasi) introvabile

La scoperta di Orto di Venezia, un vino molto speciale prodotto sull’isola di Sant’Erasmo, è stato un grande regalo da parte di Irina Freguia, titolare di Vecio Fritolin, un ristorante più famoso di Venezia. Avendolo finito al ristorante, dopo uno splendido pranzo mi ha mandata direttamente sull’isola, a conoscere il proprietario, un signore francese di nome Michel Thoulouze.

Tempo fa, forse una quindicina di anni o poco più, lui si è innamorato pazzamente di questo fazzoletto di terra e ha deciso di trasferirsi.  Michel me lo racconta in un buon italiano, ma con un inconfondibile accento francese, con l’immancabile di charme.

Solo 4 ettari per produrre 15 mila bottiglie di un solo tipo di vino.
Una vita tranquilla, all’insegna della passione e della tranquillità di un luogo dove il tempo sembra essersi fermato. Un piccolo paradiso a 30 minuti di traghetto da Venezia.

Ma insomma, cos’ha di speciale questo vino?

E’ prodotto in modo completamente naturale sul terreno mai arato, preparato ad accogliere il vigneto per alcuni anni solo con le altre piante, seminate in  precedenza, come orzo, avena e ravanelli.

“Già nel 16° secolo nell’isola vi erano molti vigneti che nei secoli successivi sono stati trascurati. Michel Thoulouze assieme alla sua famiglia ha deciso di rilanciare nell’isola la coltivazione della vite e la produzione del vino, utilizzando i metodi tradizionali degli agricoltori locali e la competenza tecnica di Lydia e Claude Bourguignon, ingegneri agrari, e Alain Graillot – Crozes Ermitage, produttore vinicolo i cui vini sono famosi in tutto il mondo.
L’azienda di Michel Thoulouze oggi produce un vino chiamato ”ORTO” che raccoglie tutte le migliori caratteristiche legate a questo speciale territorio ed è l’unico che si produce entro i confini della laguna di Venezia.” (dal sito)

Le viti sono dei “derivati” da antichi vitigni italiani dove domina la malvasia istriana, questo per esaltare i sapori dei vini del passato. Sono state piantate direttamente nel terreno senza essere state innestate nelle radici di vite americana, sistema in uso in Europa dopo l’epidemia di fillossera.

E’ un vino di un colore giallo carico, non troppo fruttato al naso, ma molto strutturato senza aver fatto un giorno di barrique, minerale e sapido in bocca, e non è un caso: laddove regnano le brezze marine e le acque della laguna, il risultato è di grande impatto, per i palati raffinati che sanno apprezzate la diversità.

Orto ha una struttura tale che lo rende capace di accompagnare egregiamente qualunque piatto, ma da il meglio con gli ortaggi, soprattutto con famosi carciofi violetti di Sant’Erasmo, le castraure, e il pesce di mare, naturalmente sapido e saporito.

Assaggiare questo vino in giro non è facile, bisogna cercare queste informazioni su sito. Ma lo trovate senz’altro da Vecio Fritolin, e a Roma –  sorpresa –  da Metamorfosi!

Orto di Venezia
1 via de le Motte
San Erasmo, 30141 Venezia.
Tel +39 348 8727500

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *