Crostata con la farina di sambuco, ricotta e frutti di bosco

Lo so, la farina di sambuco non è un prodotto molto diffuso, non si trova in Italia, invece in Russia poco. In tanti non la conosconono. Si tratta della farina di bacche di sambuco essiccate e macinate. Esattamente come si fa la farina di mandorle, di cocco, di zucca o di piselli. Ha parecchie proprietà interessanti. E’ profumata, al gusto è dolce e piccantina. Ha delle proprietà antibatteriche e antinfiammatorie, diuretiche e rigenerative. Funziona come acceleratore del metabolismo e è un ottimo antiossidante. Infine è poco calorica: ha soli 120 kc per 100 g.

E’ comunque possibile prepararla in casa. Basta comprare delle bacche secche di sambuco in una farmacia o una erboristeria e macinarle nel frullatore o macinacaffè, infine setacciare e voilà!
La farina di sambuco non si usa mai da sola, ma con le altre farine più tradizionali. Si può partire con poco, un 20% della quantità totale di farina, e arrivare fino a 50%. La si può usare per un sacco di cose: torte, plumcake, brownies, crostate, pane e anche le crepes.
Curiosi di provare un prodotto diverso?

Crostata con la farina di sambuco, ricotta e frutti di bosco

175 g di farina integrale
75 g di farina di bacche di sambuco
125 g di burro freddo a cubetti
1 uovo
3-4 cucchiai di zucchero muscovado (quello umidiccio, morbido, molto scuro e profumato)
1 presa di sale

500 g di ricotta di mucca
1 uovo
3 cucchiai di zucchero vanigliato
1 limone (la scorza grattugiata)

100 g di lamponi
200 g di more

— impastare velocemente tutti gli ingredienti per la pasta frolla

— imburrare uno stampo basso quadrato o tondo, a vostro piacimento, e stendere la pasta con le mani; mettere nel frigo per 40 minuti

— riscaldare il forno a 180°

— coprire l’ìimpasto con un foglio di carta da forno, mettervi delle apposite palline o dei fagioli secchi e infornare per 20 minuti

— mescolare la ricotta con uovo, zucchero e scorza di limone e aggiungere nello stampo con la pasta frolla precotta; aggiungere anche metà di frutti rossi e livellare il tutto con una paletta

— cuocere per altri 25 minuti

— prima di servire, intiepidire la crostata e decorare con il resto dei frutti rossi

 

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *