Spaghetti con alici, menta e peperoncino

La ricetta di alici con menta e peperoncino l’ho assaggiata a Ischia moltissimi anni fa, al ristorante del Pirata, o, meglio, La Tavernetta a Sant’Angelo. Aggiungere gli spaghetti è stato un attimo, e fuori è venuto un piatto dai sapori fantastici.

Esattamente 10 anni fa scrivevo su questo blog:

“…Ma la vera chicca di Sant’Angelo è “ La Tavernetta”, che in parte si affaccia sulla Piazzetta, ma che con la sua veranda fiorita si specchia completamente nelle tranquille acque del porticciolo. Locale completo a 360 gradi dove si può prendere un caffè al mattino, leggendo comodamente il giornale sotto la tettoia di canne, fare un delizioso spuntino a mezzogiorno, prendere un’ottimo aperitivo al tramonto contornato dai gustosissimi stuzzichini, cenare a lume di candela a suon di canzoni rigorosamente napoletane oppure sorseggiare qualcosa dopo cena nella calda e rilassante atmosfera creata dal Pirata, il simpatico proprietario de “La Tavernetta”, con l’immancabile lunga bandana nera in testa.”

Spaghetti con alici, menta e peperoncino

Per 2 persone

200 g di spaghetti
300 g di alici
2-3 rametti di menta
1 peperoncino fresco
2 spicchi di aglio
2-3 cucchiai di olio evo
sale

— pulire le alici, eliminare le interiora e le teste, poi aprirle in due e eliminare le lische
— lessare gli spaghetti al dente
— nel frattempo preparare il condimento: scaldare l’olio in una larga padella con l’aglio schiacciato in camicia e metà di menta
— adagiare le alici in uno strato, salare, coprire con un coperchio e cucinare a fuoco basso per 3-4 minuti
— alla fine aggiungere il peperoncino e la menta tritati; mettere da parte il terzo delle alici
— versare la pasta nella padella e mescolare accuratamente
— impiattare e decorare con il resto del pesce, foglioline di menta e fettine di peperoncino

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *