Speciale Anzio. La fantastica carne sulla brace da Bambinello dal 1970

Anche se mangiare ad Anzio si traduce come “mangiare il pesce“, e diciamolo, mangiare molto bene, in questa deliziosa cittadina a 50 km da Roma, chiamata “la Perla del Tirreno“, una delle mete preferite dei romani e dei turisti stranieri, ci sono le pizzerie molto buone e degli ottimi ristoranti di carne. Anche perché non si vive solo di pesce.

Bambinello dal 1970 è un ristorante storico, aperto 48 anni fa,  ristrutturato di recente. Ha delle grandi sale accoglienti, il forno a legna per le pizze e una bella brace capiente. Vicino alla brace si nota subito il frigo con bei pezzi appesi di carne, non ché una vetrina con i tagli differenti.

Il menù propone parecchi crudi, tra cui 4 tipi di tartare. Di carne cotta ci sono bistecche, salsicce, arrosticini, pancetta, entrecôte, insomma, tutto quello che fa venire l’acquolina in bocca anche a 40 gradi all’ombra. Non mancano, naturalmente, i classici di pasta (carbonara, amatriciana, cacio e pepe) e le pizze, per soddisfare tutti i palati.

Sempre nel menù c’è una pagina dedicata ai tipi di cotture di carne, dalla più “sanguinosa”, fino alla ben cotta, con tanto di foto e di spiegazioni. Perfetta per gli indecisi.

Iniziamo con una croccantissima focaccia mentre aspettiamo i piatti. Buona da leccarsi le dita.

Una tartare servita con un ovetto di quaglia, le sfoglie croccanti di pane carasau e la maionese.  Carne saporita e condita bene.

Arrosticini. Carne di pecora saporita e morbida, ben cotta. Ottimi per soddisfare quella voglia “di qualcosa di buono”.

La bistecca, scelta al banco, come taglio, peso e cottura, arriva in tavola con una bandierina che indica il tipo di cottura. Utile nel caso di una tavolata carnivora.

Per non farci mancare nulla, una fetta di pancetta croccante e un paio di salsicce. Che dire, carne ottima, cottura perfetta, calorie assicurate.

Per finire, un gelato “fai-da-te”: tris di coni con le palline di fior di latte, da decorare con il cioccolato bianco e fondente, ma anche con le noccioline, granella di mandorle, riso soffiato e altri sfizi. Ideale per tenere occupati i bambini.

Discreta la carta di vini, una ventina, forse meno, di etichette, nulla di particolarmente interessante, ma non mancano quelle giuste per accompagnare una bistecca saporita.

Bambinello dal 1970
Via Olimpica, 42, Anzio (RM)
Tel. 334 289 3897

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *