Roma. Festeggiati i primi 20 anni de I Vitelloni

Un anno fa sono stata alla presentazione de I Vitelloni dopo un importante restyling, e sono rimasta colpita dagli spazi ben rivisitati, dall’offerta e dall’atmosfera. Sono tornata qualche settimana fa per festeggiare i 20 anni dell’attività, e l’ho trovata ancora più evoluta, per tutti i gusti, capace di soddisfare ogni richiesta.

Oggi I Vitelloni si presentano come un spazio polivalente che si sviluppa su circa 700 mq divisi tra 2 piani, una quintessenza di tutte e tre attività. E’ allestito con sapienza con un serie di aree ben distribuite, funzionali, dedicate al cibo e al bere: ristorante, pizzeria, sushi bar, cocktail bar con dj set, caffetteria, laboratorio di pasticceria, sala da tè, pregiati prodotti di salsamenteria. I Vitelloni, dall’alba al cuore della notte, è aperto tutti i giorni della settimana, dalla colazione, apertura alle 5:00, al dopo cena, con chiusura alle 02:00.

“Tutto ebbe inizio nel 1998, quando Stefano e Mauro Delli Ficorelli decisero di unire la loro passione per la buona tavola e il grande cinema italiano, aprendo il loro primo locale a San Giovanni, la pizzeria “Ricomincio da tre”, in onore del grande regista e attore napoletano Massimo Troisi“, recita la lunga storia de I Vitelloni.

“Grazie al successo del locale, dopo qualche anno decidono di inaugurare, pochi numeri civici più avanti, una bisteccheria di qualità, “I Vitelloni”, omaggio al genio di Federico Fellini. E, dato che non c’è due senza tre, dopo aver ben avviato anche il secondo locale, sempre a via Amiterno, inventano il terzo ristorante, “La Tellina”, puntando sulla cucina di solo pesce.”

Pare che la versatilità e la varietà della proposta enogastronomica e della qualità della materia prima, insieme ai nuovi ambienti spaziosi, molto curati e accoglienti, abbiano incontrato il favore del pubblico che ha apprezzato la nuova formula, ritrovando però le familiari e amate atmosfere legate al mondo del cinema, particolarità che da sempre contraddistingue i locali di Stefano e Mauro.

Ho trovato il nuovo menù ben organizzato, senza troppi fronzoli né troppe pagine, abbastanza piccolo, ma che riesce a proporre praticamente tutto l’essenziale: carne, pesce, pizza, sfizi e dolci. Poteva mancare qualche assaggio?

Un divertente e rinfrescante cocktail in stile giapponese per iniziare la serata.

Tris di tartare di Chianina con uovo, erbette e cipollotto, con pesto al basilico e pomodoro confit, e con burrata al tartufo e funghi porcini. Ottima la carne, la proposta con il tartufo è sfiziosa, ma troppo invernale, invece quella con l’uovo è perfetta.

Carpaccio di manzo frollato e marinato, sapido e saporito qb, complimenti allo chef.

Croccantissima focaccia è indispensabile per accompagnare qualsiasi pasto che si rispetti. Quindi si, promossa anche essa.

Tagliata di controfiletto. Tenera e saporita la carne, gustarla per i carnivori è un vero piacere.

Hamburger con speck e cheddar. Ottima la cottura, al sangue (si fa su richiesta, ovviamente), pane morbido, condimenti giusti.

Pizza gourmet con pomodoro, alici, olive e capperi, tipo la puttanesca. Ecco, la definizione “gourmet”, secondo me, è oramai superata, perché troppo pretenziosa. La pizza ho trovata abbastanza buona, anche se non è tendente ne alla napoletana ne alla romana, ma comunque  eviterei certe etichette, ci sono mille modi di chiamare la pizza, anche se, detto tra noi, preferisco i nomi e i sapori classici.

Ma oltre questo troverete anche degli ottimi prosciutti affettati a coltello, italiani e spagnoli, delle polpette di manzo, i primi della tradizione romana e i secondi succulenti come coda ala vaccinara o petto di vitello alla fornara. Carne italiana, danese e americana da fare sulla brace e i burger nelle varianti fantasiose. Ci sono, naturalmente, anche i piatti di pesce, ma sono ancora da provare.

Buona la carta dei vini, con alcune etichette interessanti, dove, ovviamente non mancano le bollicine, nostrane ed estere.

I Vitelloni
via Amiterno, 42/52, Roma
Tel. 06 708 1150

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *