Lambrusco. Un rosso fresco e frizzante

Fino a qualche anno fa, snobbavo, come tanti, il Lambrusco, che mi sembrava poco interessante, un vino da supermercato. Poi ho iniziato ad assaggiare e a scoprire il mondo dei Lambruschi, iniziando, ovviamente, da un rosè, Lambrusco di Sorbara. Mi è piaciuto, e così ho continuato ad esplorare questi vini frizzanti. Alcuni mi piacevano di più, altri di meno, ma ho capito che non è un vino da sottovalutare, specie se dietro c’è un grande lavoro.
Esattamente come quello delle Cantine Ceci che ho scoperto durante l’ultimo Vinitaly. E’ riconosciuto come un capolavoro della cantina, questo Otello NerodiLambrusco.

Molto carico di colore, un porpora con riflessi violacei, dai sentori intensi di piccoli frutti rossi e di frutti di bosco, al palato tende al dolce, ma è fresco e pulisce bene la bocca. Per questo è perfetto per accompagnare i salumi del Parmense, anche quelli molto grassi, ma non solo. Si abbina bene all’importante carrello dei bolliti, alla pasta all’uovo ripiena e, dicono è perfetto anche ai tortelli con la zucca.
Io personalmente l’ho abbinato alle polpettine con melanzane affumicate, ed è andata molto bene!

Credo ci sia molto da divertirsi, a cercare di fare coppia tra un Lambrusco fresco e intenso, e parecchie pietanze estive. Lo vedo bene insieme alle melanzane alla parmigiana, ai crostini prosciutto e mozzarella e anche alla pizza 4 formaggi.

Ah, perché Otello?.. 80 anni fa Otello Ceci, un oste nel parmense, ha deciso di diventare un viticoltore per produrre Lambrusco con le proprie uve, un vino che andava alla grande nell sua osteria. Questo Otello è un omaggio al fondatore dell’azienda, e per festeggiare i primi 80 anni dell’attività, sono stati coinvolti 10 artisti che hanno creato 8 etichette a testa, una per ogni anni degli ultimi 80, per una collezione unica e preziosa.

Se troverete una bottiglia da collezione, fatemi sapere!

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *