Pomodori con riso, pasta e patate

Eh si, avete capito bene, si tratta di un classico dell’estate italiana, i pomodori con riso e patate, leggermente rivisitato.
Ogni volta che vado dal mercato, ho la lista della spesa, ma poi regolarmente si aggiungono altre cose. Perché adoro la frutta e la verdura di stagione, ho fame di prodotti freschi e profumati e mangio con gli occhi appena mi avvicino ai banchi.

Questi non sono i classici pomodori da riso, grandi e polposi, sono i pomodori ramati, ma, messi sul banco, erano talmente perfetti e mi chiamavano “Ehi, Rossa, compraci!..” Quando un pomodoro chiama, la Rossa risponde, e allora ho pensato di preparare quel classico intramontabile che tanto piace a mio marito. Solo che una volta a casa, ho visto che una confezione di riso aperta, era quasi finita, non mi andava di aprirne un’altra, e poi ho visto un’altra confezione agli sgoccioli: quella delle pennette.

“Perché no?” ho pensato, e preparato i due condimenti.

A proposito, ma voi che fate con la polpa e i semi di pomodori quando preparate questo piatto? Io non li butto, a volte frullo tutto e uso come la salsa fresca, altre volte uso il liquido per procedura di riso e la polpa, invece, taglio a pezzi e condisco come se fosse una normale insalata di pomodori.

Pomodori con riso, pasta e patate

8 pomodori ramati grandi
100 g di riso (ho preso il semintegrale)
100 g di pennette
2-3 grandi patate novelle
mentuccia romana
basilico
aglio
olio evo
sale
pepe

– tagliare le calotte ai pomodori, svuotare, salare e mettere a testa in giù per scolare l’acqua di vegetazione; mettere i ritagli in una ciotola

– spazzolare e lavare le patate, tagliare a spicchi e lessare per qualche minuto

– precuocere il riso e la pasta (di solito serve metà tempo) separatamente, condire il riso con aglio tritato, mentuccia, sale e pepe e l’acqua di pomodoro; la pasta con i pezzetti di pomodoro e la sua acqua, basilico, aglio, sale e pepe

– riempire i pomodori con le farce e adagiare sulla teglia, rimettere le calotte

– aggiungere le patate, condire con sale, pepe e olio e infornare a 200° per 30 minuti

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *