Norcia, città del tartufo nero e dei migliori salumi

Dopo una giornata intensa passata in giro per Foligno, alla fiera I primi d’Italia, ci voleva una bella dormita. Io? A letto?? Alle 11.00?.. Mai successo, però le 8 ore di camminate, di numerose degustazioni e di svariati bicchieri di vino mi hanno sfinita.

Il giorno dopo avevamo in programma il giro a Norcia – prima o poi dovevo visitare questa città, famosa per prosciutti e salumi e per tartufo nero. Non per niente le migliori salumerie si chiamano norcinerie!

(Mi devo scusare per poche parole e descrizioni: il cambiamento del tempo comporta per me il mal di testa e le emicranie, infatti, ho la testa pesante anche adesso, ma non mi va di rimanere troppo indietro con quello che volevo postare)

Quella domenica sulla piazza del paese c’era anche il mercatino dell’usato, ma…

…nelle viuzze dietro il corso e la piazza c’era calma piatta

Una bottega con un sacco di oggetti in rame ci ha letteralmente rapite!

Possiamo anche occuparci della distillazione!!!

Qui vorrei fare una segnalazione negativa: siamo passate anche qui, da “Fratelli Ansuini” per prendere un pò di salumi e formaggi, ma..

Nel banco frigo c’erano i formaggi freschi con tartufo e ne ho chiesto uno. La signora l’ha preso, io l’ho pagato e siamo uscite.

A casa il mio marito ha scoperto che quel formaggio era scaduto il 6 agosto, mentre me l’hanno venduto il 27 settembre. Purtroppo io mi fido spesso e non controllo mai, e faccio male perché i furbacchioni ci stanno dappertutto.

Quindi se doveste capitare a Norcia, andate nelle altre norcinerie, non in questa dove vi possono fregare senza scrupoli.

Per trovare un buon posticino dove gustare tutte le specialità locali al tartufo, ci siamo affidate al naso. Letteralmente!

Ad un certo punto abbiamo sentito il buonissimo odore del forno a legna, della carne sulla brace. L’odore e il fumo provenivano dalla trattoria “dal Francese”. Siamo entrate, ma, conferma ulteriore della scelta giusta, non c’erano più posti (ed erano le 13.15)

Così abbiamo prenotato il primo tavolo che si liberava, dopo una mezzora circa, e siamo andate a prendere un aperitivo.

Abbiamo iniziato con un’ottimo antipasto: bruschetta, gnocchi alla romana con la salsa al formaggio, bresaola di tacchino e quella classica e frittatina, tutto al tartufo!

Poi abbiamo gustato la zuppa di porcini e tagliatelle, con tanto tartufo grattuggiato sopra

E l’agnello e la bistecca sulla brace, rigorosamente tartufati!

Una bella bottiglia di Montefalco rosso riserva 2003 ed eravamo al settimo cielo!

Il conto?.. 105 euro in due, ma lo considero giusto, in fondo il cibo era ottimo e non hanno risparmiato il tartufo per noi!

Trattoria “Dal Francese”

Via Riguardati, 16

tel. 0743 816290

Norcia

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *