Filoncini legerissimi con la pasta madre

Ancora lei, la nostra amata pm, il dolce tormento della stagione 2009! Non mi stanco di sperimentare con lei, variando in continuazione le farine, le condizioni di lievitazione, i tempi e le temperature di cottura.

Stavolta il pane mi serviva per una missione speciale – il Grande Fornello, e la pm si è dimostrata anche in questa occasione una perfetta e fedele alleata.

Filoncini leggerissimi con la pasta madre

per 2 filoncini

200 g di pm rinfrescata la sera stessa

200 g di farina di grano duro

300 g di manitoba

100 g di farina 00

2 cucchiaini di sale

350 ml di acqua

– sciogliere la pm nell’acqua con un frustino

– aggiungere le farine, il sale e impastare per qualche minuto (il ciclo breve della macchina da pane)

– far lievitare 1 oretta, fare le pieghe, dividere in due e fare ancora le pieghe

– spolverare con la farina, coprire con un canovaccio umido e lasciare a riposare 20-30 minuti

– coprire la teglia con un foglio di carta, spolverare con la farina

– formare due “bastoncini”-baghette, tirando e allungando l’impasto delicatamente con le mani

– adagiarli sulla carta infarinata uno lontano dall’altro, spolverare con la farina e coprire con un canovaccio molto umido

– mettere la teglia dentro il forno spento e lasciarvi per tutta la notte

– la mattina dopo tirare fuori la teglia e portare il forno a 220°

– togliere il canovaccio delicatamente ( che potrebbe essere leggermente appiccicato ai filoncini,

cresciuti circa 3 volte

– spruzzare un pò di acqua nel forno ed infornarli per 55-60 minuti

– raffreddare sulla griglia

Se non avessi messo il canovaccio bagnato, coprendo ogni filoncino da ogni lato, si sarebbero appiccicati, per quanto erano cresciuti!

Infornando, li ho divisi con un cartoncino, avvolto nella carta da forno.

Gli ultimi 5-10 minuti, se i filoncini rimangono poco cotti da quei lati che si toccavano, bisogna rigirarli e dorare un pò.

Ogni filoncino pesava circa 440 g, un peso piuma praticamente!

Lunedì ho fatto i panini, sempre con la pm, ma al latte… Sono rimasti perfettamente morbidi per 3 giorni! Devo controllare come sono venute le foto però…

.

Seguimi anche su

About Giulia

Rossa di Sera da 10 anni, innamorata della vita, appassionata di bollicine, adoro cucinare e mangiare. Il miglior museo è un mercato, il miglior regalo è un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *